Category Archives: Packaging

cibo, truscia e Takeaway

0229_223431_montalbano2016-una-faccenda-delicata-direttaIn un episodio del commissario Montalbano trasmesso in tv nell’ultima stagione, c’è stata una scena che ha distolto la mia attenzione al film e l’ha proiettata al mondo delle SOLUZIONI. Quando il commissario Montalbano incontra la sua fidata cuoca Adelina, che gli porge un fagottino o meglio una truscia, come si dice in siciliano, che contiene cibo.

E’ un immagine romantica che ricorda il buon cibo, ben cucinato, profumato e ancora caldo, avvolto con dei grandi tovaglioli per trasportarlo fuori dalla propria cucina, come fa Adelina nel film.

Oggi non è tanto usuale avvolgere il cibo con dei tovaglioli di stoffa o con delle tovaglie, sia perché esistono contenitori con coperchi di ogni forma e dimensione e sia perché si è persa l’abitudine. Questo gesto di avvolgere i piatti con dei panni o dei canovacci o addirittura con le tovaglie da tavola mi ha fatto pensare ad un regalo ricevuto e, che è sempre una soluzione ammirata e ammirevole.

Si tratta di un “borsa di stoffa” così definita da chi l’ha realizzata, che avvolge piatti che contengono cibo.

IMG_4714

Poi cercando nel web s’incontra anche chi, partendo dalla tradizione giapponese di utilizzare i fazzoletti per trasportare oggetti, decide di decorare foulard di cotone e utilizzarli per incartare regaliChewingthecud

Per chi volesse cimentarsi e realizzare la sua truscia o borsa di stoffa, come la chiama Lei, ed ha voglia di cucire, basta procurarsi della stoffa rettangolare e secondo i propri gusti e capacità inventiva, che non manca a nessuno, seguire l’indicazione dello schema mostrata nell’immagine.

truscia

SCORZA D’ARANCIA: progetto_divino

01-buccia-arancia-cL’altro ieri osservavo con attenzione sbucciare un’arancia, che è quello di fare dei tagli alla buccia come se fossero dei grandi spicchi e staccarla dalla polpa, e pensavo che grande Soluzione l’ArchitettoDivino (e/o chi per Lui) ha ideato e realizzato.

La scorza dell’arancia è un involucro con caratteristiche eccezionali e rappresenta un vero modello di packaging. (*lo so che alcuni si infastidiscono nel leggere gli inglesismi, ma con questo termine si indicano tanti concetti tutti assieme, che la traduzione italiana non restituisce, o meglio non comunica).

Per packaging s’intende il confezionamento, la “scatola” di un prodotto che lo rende facile da trasportare, usare e identificare. I materiali utilizzati devono contenere, proteggere e mantenere la “forma funzionale e non comprometterne l’utilità”. E, la buccia dell’arancia è dotata di tutti questi elementi, anzi soffermandoci ancora di più nel dettaglio e nell’analisi, il ProgettoDivino tiene conto anche, di tutti i sensi del fruitore:

  • giusta forma, facilitandone la presa,
  • piacevole al tatto ….che cambia leggermente a seconda della “varietà”,
  • peso appropriato,
  • profumato: il “materiale” emana un profumo inconfondibile e inebriante che si accentua al momento dell’apertura.
  • riconoscibile sul mercato perché comunica la propria diversità e unicità, vedere una palla arancione identifica in immagine la “personalità” dell’arancia.
  • funzione semiotica, infatti il colore arancione ha un ruolo determinante.

Secondo la normativa europea ha tutti i requisiti per essere definito biodegradabile, compostabile e riutilizzabile. Il “materiale con cui è realizzato” non rilascia sostanze tossiche o pericolose per cui è in perfetta coerenza con i parametri definiti dal Decreto ministeriale in vigore.

Scherzi e ironia a parte, osservare attentamente e puntualmente un “prodotto” come, in questo caso, la buccia dell’Arancia è una vera e propria lezione di progettazione. Analizzare ogni punto e ogni passaggio, rende la progettazione più efficace e semplice nei risultati.

Quindi La confezione (sia primaria che secondaria) deve essere:

  • pratica al trasporto –  forma, peso e misure
  • facile da aprire – senza bordi taglienti, sistemi di chiusura efficienti e pratici
  • adatta a conservare e proteggere al meglio il prodotto […]
  • rispettosa dell’ambiente – facile da separare nelle sue diverse componenti per agevolare la raccolta differenziata
  • adeguato rapporto tra spazio pieno e vuoto  – quantità di prodotto all’interno della confezione e spazio occupato
  • proporzionato rapporto tra il peso del prodotto e il volume della confezione
  • [capace di un giusto rapporto tra superificie vuota e superficie dedicata alla comunicazione – nomi, marchi e informazione] questo è un elemento apparentemente mancante nel “packaging dell’arancia”, perché come già sottolineato, il tutto è svolto dalla sua funzione semiotica.

Altro elemento importante della scorza d’arancia è la multifunzionale ed elevata capacità del RIUSO:

  • scorze di arance candite
  • scorze grattugiate
  • olio essenziale
  • tessile sostenibile Orange Fiber che funziona come una crema cosmetica e vitaminica da indossare. Nasce dagli scarti industriali delle bucce delle arance, grazie alla creatività di due ragazze siciliane Adriana ed Erica.
  • [e poi c’è il blog scorzadarancia.it, ma questa è un’altra storia…un altro progetto]

Come afferma Bruno Munari in “Compasso d’oro a ignoti”, ci sono oggetti che hanno avuto successo unicamente perché ben progettati e non importa da chi…anche se in questo caso ha la sua importanza  😉

Foto tratte da internet.